28 gennaio 2007
Andrea Cimatti

Internet e le parole

internet parole

Internet è in flusso.

Costantemente raddoppia la sua dimensione. Il suo inesorabile avanzare è un po’ come una biscia che cambia pelle ogni volta che cresce.

È la più grande fonte d’informazione aggiornata su qualsiasi materia, specialmente su se stessa, e per lei l’informazione e la conoscenza non sono oggetti statici; sono materie fluide, sempre diverse. Da un secondo all’altro cambia il mondo e internet con esso.

Internet è un contenitore di parole collegate. La sua forma naturale è l’ipertesto. Non a caso le pagine che navighiamo su internet iniziano con http (HyperText Transfer Protocol) e il linguaggio che descrive le pagine web è l’HTML (HyperText Markup Language) ovvero linguaggio per la realizzazione di ipertesti.

Non sarà facile che perda questa sua caratteristica nel futuro; le parole saranno sempre indispensabili a internet e se ne può dedurre che per operare bene su internet, bisogna conoscere bene le parole: le parole del vocabolario, le parole del proprio settore, le parole utilizzate dagli specialisti, le parole di altre lingue, le parole aggregate in frasi, le parole più e meno utilizzate. Le parole su internet sono una fonte incessante di sorpresa e meraviglia. Esistono glossari, dizionari, database di sinonimi e contrari, traduttori automatici in diverse lingue. Esistono anche parole nate da internet – e-mail, blog – o che internet ha fatto sue – spam, web, forum.

Per utilizzare internet al massimo del suo potenziale, è importante sapere usare bene le parole. Le parole su internet sono diverse da quelle parlate o scritte ma hanno alcune somiglianze con entrambi. Se parlo con qualcuno il mio interlocutore, è presente e posso aggiustare il mio linguaggio, modulare il tono della voce, urlare, parlare sottovoce, parlare velocemente o lentamente. Non è così per internet. Non conosco il mio interlocutore e lo schermo del computer è freddo e inespressivo. Se scrivo un libro, ho i limiti della carta che impongono una sequenzialità ben precisa e quando il libro è stampato ogni parola è come se fosse stata scolpita nel marmo, fissa per l’eternità. Non così per internet. Le parole si moltiplicano e si scompongono si intrecciano in combinazioni infinite. Le parole su internet non sono mai scolpite nel marmo.

Prendiamo per esempio i motori di ricerca. Quando digitiamo la nostra ricerca e premiamo cerca riceviamo in risposta pagine sempre diverse tra loro, un infinito numero di possibilità; un incrocio tra la parola scritta e la parola parlata che prende in considerazione sia l’autore sia il lettore.

I tag

Quando si parla dell’utilizzo di internet e dei siti di ricerca si usa il termine tag (marcatore) per indicare quelle singole parole chiave che riconducono ad una determinata materia e che possono quindi essere utilizzate su qualsiasi motore di ricerca per trovare informazioni su quella determinata materia. Ad esempio per sapere qualcosa di più sui motori di ricerca e come utilizzarli si possono ricercare informazioni utilizzando i seguenti tag:

english: searching strategies, search techniques, search tools, search tutorial, seo challenge

italiano: esempi ricerca, strategie cercare, motori

Questi e parole chiave possono essere usate nella maniera più fluida:mescolatele fra loro, spezzettate, usate al singolare e al plurale. Sono e rimarranno solo una piccola frazione delle possibili parole che potrete utilizzare per approfondire un determinato argomento.

Sono quindi le parole che possono aiutarci a scoprire e a capire i motori di ricerca.

 

1 commento

  1. Matteo Paolini ha detto:

    Ottima riflessione: conoscere e “saper usare” e scomporre le parole è fondamentale sul web! Basti pensare all’enorme successo che stanno avendo di questi tempi tutti i siti appartenenti alla cosiddetta schiera del “web 2.0” che si basa su social networking e folksonomia!

 
 
 «
 

Preferenze

Preference cookies enable a website to remember information that changes the way the website behaves or looks, like your preferred language.

Chiudi

Statistiche

These cookies are used to analyze our web traffic with Google Analytics. They allow us to count visits and traffic sources so we can measure and improve the performance of our site. They help us to know which pages are the most and least popular and see how visitors move around the site. All information these cookies collect is aggregated and therefore anonymous. If you do not allow these cookies we will not know when you have visited our site, and will not be able to monitor its performance.

Chiudi

Targeting

These cookies are set by third parties such as YouTube or Twitter. They track your behavior such as playing videos or which tweets you have already viewed. If you do not allow these cookies you will not be able to watch videos on this website. These cookies may be used by the cookie provider to build a profile of your interests and show you relevant advertisements on other sites. They do not store directly personal information, but are based on uniquely identifying your browser and internet device.

NameProviderPurposeExpiryType
i/jot/syndicationtwitter.comThis cookie is set by Twitter when you view Tweets about the UX Conference that have been embedded into our UX Conference information.SessionPixel
GPSyoutube.comRegisters a unique ID on mobile devices to enable tracking based on geographical GPS location.SessionHTTP
PREFyoutube.comRegisters a unique ID that is used by Google to keep statistics of how the visitor uses YouTube videos across different websites.8 monthsHTTP
VISITOR_INFO1_LIVEyoutube.comTries to estimate the users’ bandwidth on pages with integrated YouTube videos.179 daysHTTP
YSCyoutube.comRegisters a unique ID to keep statistics of what videos from YouTube the user has seen.SessionHTTP
@@History/@@scroll|#youtube.comUnclassifiedSessionHTML

Chiudi