7 febbraio 2009
Ruggero Cimatti

15000 Applicazioni

Apple store è il nuovo fenomeno delle vendita di applicazioni per iPhone e iPod Touch. A meno di un anno dal suo lancio ha già raggiunto più di 15.000 applicazioni e ogni giorno se ne aggiungono di nuove. l’iPhone stesso ha mostrato di cambiare il modo di come veniva concepito lo smartphone. Basta pensare che i nuovi modelli delle ditte concorrenti imitano o si ispirano tutti al telefono della casa di Cupertino. Per essere l’ultima arrivata in questo settore, altamente competitivo la Apple ha dimostrato il valore della sua tecnologia innovativa.

Ma torniamo alle applicazioni. I prezzi sono bassissimi da Gratis a 90 centesimi di euro a qualche euro, sono già state scaricate + di 500 milioni di copie. Vale la pena di una visita anche solo per vedere la varietà esistente e magari si trova qualche cosa che interessa.

 

I commenti sono chiusi.

 
 
 «
 

Statistiche

I cookie statistici vengono utilizzati per monitorare le performances del sito, per esempio per conoscere il numero di pagine visitate o il numero di utenti che hanno visualizzato una determinata sezione.

I cookie statistici utilizzati dal nostro sito si avvalgono di servizio di Google Analytics.

L’analisi di questi cookie genera dati statistici anonimi e aggregati senza riferimento alcuno all’identità dei navigatori del sito. Sono utili anche per valutare eventuali modifiche e miglioramenti da apportare al sito stesso.

Chiudi

Targeting

I cookie di targeting sono cookie impostati da terze parti come YouTube, Facebook, Twitter.

Questi cookie tengono traccia del tuo comportamento come la riproduzione di video o quali tweet hai già visualizzato.

Se non viene dato il consenso a questi cookie, non sarà possibile guardare i video su questo sito web o utilizzare la funzionalità di condivisione sui social.

Questi cookie possono essere utilizzati dal fornitore di cookie per creare un profilo dei tuoi interessi e mostrarti pubblicità pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma si basano sull'identificazione univoca del browser e del dispositivo Internet.

Chiudi