21 aprile 2008
Martino Savorani

Alcune riflessioni sull’url con Matt Cutts

url pagine web

Realizzando una pagina web può succedere di dedicare molto tempo a certi aspetti fondamentali come il contenuto e l’impostazione grafica, trascurando in fase conclusiva alcuni dettagli che rischiano di compromettere il posizionamento della pagina nei motori di ricerca.

Matt Cutts, il noto addetto di Google ed esperto di SEO, nel suo intervento in un seminario ha disambiguato alcuni punti chiave riguardo la creazione dell’url.

Trattino alto o trattino basso?

Cutts ha spiegato la differenza chiarendo che il trattino basso (_) non viene trattato come un separatore di parola, mentre quello alto (-) sì. Dunque il sito http://www.cimatti.it/blog/cimy-wordpress-plugins/ viene letto da Google come “cimy wordpress plugins”, mentre se fosse scritto http://www.cimatti.it/blog/cimy_wordpress_plugins verrebbe letto come “cimywordpressplugins”.

Tra i due url il più efficace è sicuramente il primo, poiché l’obiettivo è inserire le parole chiave più idonee ed efficaci nell’url al fine di conseguire un miglior posizionamento; per fare questo è necessario l’utilizzo di una giusta sintassi.

E se la pagina è già stata indicizzata dai motori di ricerca?

La scelta di correggere gli url risulterebbe perdente, poiché i motori di ricerca si ritroverebbero tra le mani due pagine web identiche tranne per il trattino nell’url, con una conseguente possibile penalizzazione nel posizionamento del sito. Insomma, le correzioni a giochi fatti sono da evitare; non resta che tenere in mente il consiglio per il futuro.

?, & e # negli url

Una seconda questione riguarda la presenza di particolari caratteri negli url, come “?” e “&”.

Un url caratterizzato dalla presenza di “?” e “&” viene definito dinamico. Cutts mette in guardia dall’abuso di tali caratteri; infatti, se in un url ne compaiono più di due, con ogni probabilità Google non indicizzerà la pagina. Invece, nel caso in cui ce ne siano fino a un massimo di due, Google tratterrà l’url dinamico alla stregua di uno statico.

Per quanto riguarda il carattere “#”, che nel linguaggio html corrisponde al link di ancoraggio, Cutts avvisa che Google taglia l’url in corrispondenza di tale carattere, indicizzando solo fino a quel punto. Così http://www.ioscrivodiseo.it/seo/#guida/introduzione verrà indicizzata come http://www.ioscrivodiseo.it/seo, con conseguente omissione nelle ricerche di due parole chiave come “guida” e “introduzione”.

Posizionamento della pagina nella struttura del sito

Ma l’affermazione che ha destato più stupore, se non proprio contrarietà, è che il posizionamento ignora i livelli di struttura in cui è collocata la pagina web. Ciò significa che http://www.cimatti.it/prova/prova2/cimatti/ ha le stesse possibilità in termini di posizionamento della pagina http://www.cimatti.it/prova-prova2-cimatti/.

Nonostante il Cutts-pensiero dica questo, resta opinione diffusa che maggiore è la profondità in cui si trova l’url, minore è la sua chance di posizionamento, posizione sostenuta, tra gli altri, da Stefano Mc Vey, direttore generale di Web Marketing Pro srl, in un articolo di commento all’intervento di Matt Cutts.

Il consiglio generico che mi sento di dare è di strutturare il proprio sito coerentemente ai contenuti immessi, evitando la creazione di livelli profondi qualora non strettamente necessari.

 

I commenti sono chiusi.

 
 
 «
 

Preferenze

Preference cookies enable a website to remember information that changes the way the website behaves or looks, like your preferred language.

Chiudi

Statistiche

These cookies are used to analyze our web traffic with Google Analytics. They allow us to count visits and traffic sources so we can measure and improve the performance of our site. They help us to know which pages are the most and least popular and see how visitors move around the site. All information these cookies collect is aggregated and therefore anonymous. If you do not allow these cookies we will not know when you have visited our site, and will not be able to monitor its performance.

Chiudi

Targeting

These cookies are set by third parties such as YouTube or Twitter. They track your behavior such as playing videos or which tweets you have already viewed. If you do not allow these cookies you will not be able to watch videos on this website. These cookies may be used by the cookie provider to build a profile of your interests and show you relevant advertisements on other sites. They do not store directly personal information, but are based on uniquely identifying your browser and internet device.

NameProviderPurposeExpiryType
i/jot/syndicationtwitter.comThis cookie is set by Twitter when you view Tweets about the UX Conference that have been embedded into our UX Conference information.SessionPixel
GPSyoutube.comRegisters a unique ID on mobile devices to enable tracking based on geographical GPS location.SessionHTTP
PREFyoutube.comRegisters a unique ID that is used by Google to keep statistics of how the visitor uses YouTube videos across different websites.8 monthsHTTP
VISITOR_INFO1_LIVEyoutube.comTries to estimate the users’ bandwidth on pages with integrated YouTube videos.179 daysHTTP
YSCyoutube.comRegisters a unique ID to keep statistics of what videos from YouTube the user has seen.SessionHTTP
@@History/@@scroll|#youtube.comUnclassifiedSessionHTML

Chiudi